Cronaca

14enne violentata in un parco pubblico: fermato un 63enne

14enne violentata in un parco pubblico: fermato un 63enne

Un 63enne residente in Lomellina, provincia di Pavia, è stato fermato dai Carabinieri del Nucleo Investigativo pavese, con l’accusa di aver abusato sessualmente di una ragazzina di 14

anni, nei giardini pubblici della Provincia di Pavia. Non è escluso che vi siano altre persone coinvolte: sul caso indagano quindi i carabinieri di Pavia. Sulla vicenda, considerata l’età

della vittima, c’è il massimo riserbo. Gli abusi sessuali per il quale è accusato sarebbero avvenuti lo scorso primo agosto. Dopo che la notizia è arrivata in Procura, i carabinieri

hanno raccolto gravi indizi che hanno portato all’arresto del presunto responsabile che, secondo le prime notizie, frequentava addirittura la famiglia della 14enne. Il 63enne si

trova in carcere a Pavia. Sempre nella stessa giornata di oggi, sono state diffuse informazioni relative ad altre due violenze sessuali: la prima sarebbe avvenuta in provincia di

Brescia, ad Ardo. Una ragazza di trent’anni sarebbe stata violentata da un 21enne che aveva conosciuto su Internet. Il ragazzo è stato arrestato sostenendo di essere innocente, ma in

pronto soccorso sarebbero state trovate ferite compatibili con una violenza. La seconda sarebbe avvenuta a Saronno, in provincia di Varese. Un uomo di 53 anni, un

medico anestesista, è accusato di aver violentato un’infermiera nella sua abitazione: l’avrebbe narcotizzata e poi avrebbe abusato di lei.

A incastrarlo però una registrazione dove l’uomo ammetterebbe l’abuso. Il 53enne si è difeso sostenendo che il rapporto fosse consenziente. Fonte fanpage.it.